Brunch da Spica Milano in Porta Venezia: la mia recensione


Brunch / sabato, marzo 6th, 2021

In zona gialla sono riuscita a provare il brunch di Spica in via Melzo (Porta Venezia) e qui vi racconto cosa ho mangiato e come mi sono trovata. Se più che al brunch siete interessati a pranzo e aperitivo, date un’occhiata qui e qui.

Spica Milano recensione (1)
© Spica

Brunch di Spica: menù e prezzi

Spica propone una cucina internazionale (approfondisco il tema più sotto) e anche il suo brunch ne è la prova. Il brunch di Spica in Porta Venezia costa 25€ e prevede alcuni assaggi non a scelta + un piatto a scelta + un assaggio di dolce + acqua. A parte potete ordinare uno degli ottimi drink o del vino.

Tra gli assaggi ci sono: bao al vapore con ripieno di melanzana croccante e salsa malesiana, dim sum con pasta di cristallo ripieni di zucca, patate dolci e arachidi; avocado toast; dal pakora (polpettine di ceci indiane); insalata di fagiolini e melanzane. Io non mangio melanzane, mi hanno portato un bao con cotoletta di vitello mentre non hanno proposto alternative all’insalata.

Spica Milano recensione (7)
© Serena Milici

Il piatto principale invece è a scelta tra: hamburger (pane, insalata, maionese, bacon, avocado, hamburger di manzo, formaggio su richiesta); khao soi (zuppa di cocco speziata con udon e verdure); bistecca di manzo con fagiolini, purèe e uovo fritto o altro piatto del giorno. Io ho scelto la zuppa thailandese, la mia amica l’hamburger. Entrambe siamo rimaste soddisfatte.

Spica Milano recensione (4)
© Serena Milici

Di quello che ho mangiato ho apprezzato soprattutto la zuppa thai khao soi: davvero super gustosa e saziante (contiene gli udon, cioè spaghettoni) anche se un po’ piccante per me. Davvero molto buono il bao al vitello – alla mia amica è piaciuto un sacco anche il bao alla melanzana. Buoni ma piccoli nelle porzioni gli altri assaggi.

Cosa si mangia da Spica in Porta Venezia

Spica è un progetto di Ritu Dalmia e Viviana Varese, un cuore indiano e uno italiano. Spica racconta il loro amore per il viaggio, la scoperta e la condivisione attraverso un menu fusion dove c’è posto per la cucina di tutto il mondo (con focus sull’India).

Il brunch di Spica infatti propone piatti asiatici (bao e dim sum dalla Cina, dal pakora dall’India, khao soi dalla Thailandia), ma anche piatti provenienti da altre parti del mondo come hamburger e avocado toast. Il menù della settimana si articola su tutti i continenti offrendo piatti asiatici, americani, africani ed europei.

Spica Milano recensione (6)
© Spica

La location di Spica in via Melzo

Il ristorante Spica si trova in Porta Venezia, nello specifico nella bella via Melzo ricca di locali (qui a due passi ci sono il bistrot Røst, la panetteria-pasticceria francese Egalitè, il giapponese Kanpai, l’eritreo Warsà, ma anche Quattro Quarti Torte e Pasta Fresca Brambilla).

Spica Milano recensione (2)
© Serena Milici

Gli arredi di Spica a Milano mischiano molti stili (così come la cucina è fusion) e sono decisamente “ottici” tra pareti a righe e pois, specchi di Seletti x Toilet Paper, lampade che ricordano le lanterne cinesi, enormi vasi di piante, mobili di legno… insomma, un mix coloratissimo che vi metterà allegria.

Spica Milano recensione (5)
© Serena Milici

La mia recensione finale di Spica Milano

Amo il mondo fusion e in generale mi piace molto il concetto di Spica, che unisce varie cucine in un lungo viaggio. La zuppa thai mi è piaciuto un sacco così come il mio bao di carne. Di sicuro, tornerò! 

Spica Milano recensione (3)
© Serena Milici

Spica
via Melzo, 9 (metro M1 Porta Venezia)

Siete mai stati da Spica a Milano? Cosa ne pensate? Fatecelo sapere su Facebook o su Instagram!

Voglia di leggere qualcos’altro? Ecco i migliori sushi all you can eat di Milano, dove mangiare all’aperto a Milano, la recensione di Hygge Milano e quella di Gelsomina Milano.

Per la foto di copertina: © Spica